Rivelazione ed ispirazione

La rivelazione

“Dio, dopo aver parlato anticamente molte volte e in molte maniere ai padri per mezzo dei profeti, in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo del Figlio …” (Ebrei 1:1/2).
La rivelazione è il mezzo attraverso il quale Dio si fa conoscere, la Parola scritta è uno dei mezzi della Sua rivelazione.

L’ispirazione

“Sappiate prima di tutto questo: che nessuna profezia della Scrittura proviene da un’interpretazione personale; infatti nessuna profezia venne mai dalla volontà dell’uomo, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo” (2 Pietro 1:20/21).
L’ispirazione è l’influenza esercitata dallo Spirito Santo sugli scrittori dei testi sacri perchè trasmettessero fedelmente quanto ricevuto da Dio.

Scritta da uomini per essere compresa da uomini.

Gli ebrei chiesero a Mosè: “parla tu con noi e ti ascolteremo; ma non ci parli Dio, altrimenti morremo” (Esodo 20:19).

Ispirata da Dio, essa è affidabile e sicura.

Questi due fattori rendono la Bibbia un libro unico, diverso dagli altri libri.

La Bibbia è la PAROLA DI DIO!

Di seguito alcuni passi significativi:
1 Tessalonicesi 2:13 – “Per questa ragione anche noi ringraziamo sempre Dio: perché quando riceveste da noi la parola della predicazione di Dio, voi l’accettaste non come parola di uomini, ma, quale essa è veramente, come parola di Dio, la quale opera efficacemente in voi che credete”
Atti 4:31 – “Dopo che ebbero pregato il luogo dove erano riuniti, tremò; e tutti furono riempiti dello spirito santo, e annunziavano la Parola di Dio con franchezza”. Di cosa parlavano? Degli scritti dell’Antico Testamento
2 Tim. 3:16-17 – “Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, perché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona”.
“Ogni Scrittura”. Dio è l’autore e l’ispiratore di tutta la scrittura. Egli ha guidato con lo Spirito Santo gli strumenti che ha scelto.
Gli strumenti sono umani. Dio ha scelto uomini per parlare ad altri uomini col linguaggio degli uomini. Davide dice: “lo Spirito del Signore ha parlato per mio mezzo e la sua parola è stata sulle mie labbra” (2 Samuele 23:2).
Scopo della parola ispirata (2 Tim. 3:16/17):
INSEGNARE – Gettare le basi, il fondamento, sull’istruzione.
RIPRENDERE – Esortare, convincere dell’errore e dissipare i dubbi.
CORREGGERE – Riportare colui che si svia sulla retta via.
EDUCARE ALLA GIUSTIZIA – Formazione spirituale del credente per raggiungere la maturità, la “statura di Cristo” (Efes. 4:13). Preparato per il servizio ed equipaggiato (completo) “per ogni opera buona” (Efes. 4:13).
Non solo la Bibbia è la parola ispirata, ma Dio ha vegliato (veglia ancora oggi) sull’integrità, unità ed efficacia della Scrittura.
Geremia 1:11/12 – “… Io vigilo sulla mia Parola per mandarla ad effetto”
Isaia 55:10/11 – “Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinché dia seme al seminatore e pane da mangiare, così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l’ho mandata”.

Segni dell’ispirazione

La sua unità: nonostante si tratti di un insieme di libri scritti in tempi diversi, nella Bibbia troviamo una straordinaria unità.
La sua forza rigeneratrice: “siete stati rigenerati non da seme corruttibile, ma incorruttibile, cioè mediante la parola vivente e permanente di Dio” (1 Pietro 1:23).
La sua vitalità e capacità di giudizio: “Infatti la parola di Dio è vivente ed efficace, più affilata di qualunque spada a doppio taglio, e penetrante fino a dividere l’anima dallo spirito, le giunture dalle midolla; essa giudica i sentimenti e i pensieri del cuore” (Ebrei 4:12/13).
La sua azione come elemento di trasformazione e stabilità della società: una nazione radicata sulla Parola di Dio è benedetta.
Il suo compimento ed immutabilità: “finchè non siano passati il cielo e la terra, neppure uno iota o un apice della legge passerà senza che tutto sia adempiuto” (Mat. 5:18); “l’erba si secca, il fiore appassisce, ma la parola del nostro Dio dura per sempre”(Isaia 40:8).

Compimento delle profezie:

Località di Nascita di Gesù.

Profezia: “Ma da te, o Betlemme, Efrata, sebbene tra le più piccole città principali di Giuda, da te mi uscirà colui che sarà dominatore in Israele, le cui origini risalgono ai tempi antichi, ai giorni eterni” (Michea 5:1).
Compimento: “Gesù era nato in Betlemme di Giudea …” (Matt. 2:1)
La crocifissione di Gesù.

Profezia: “Poiché cani mi hanno circondato; una folla di malfattori m’ha attorniato; m’hanno forato le mani e i piedi” (Salmi 22:16).
Compimento: “Quando furono giunti al luogo detto «il Teschio», vi crocifissero lui e i malfattori …” (Luca 23:33)
La distruzione del tempio di Gerusalemme.

Profezia: “…., i suoi discepoli gli si avvicinarono per fargli osservare gli edifici del tempio. Ma egli rispose loro: Vedete tutte queste cose? Io vi dico in verità: Non sarà lasciata qui pietra su pietra che non sia diroccata” (Matteo 24:1/2).
Compimento. Nel 70 d.C. Tito, non ancora imperatore, dopo un lungo assedio, conquistò Gerusalemme, prese tutto ciò che c’era di valore e poi vi appiccò il fuoco. Al posto del tempio oggi c’è la Moschea di Omar.

La distruzione di Babilonia.

Profezia: “Babilonia, lo splendore dei regni, la superba bellezza dei Caldei, … non sarà mai più abitata, di epoca in epoca nessuno vi si stabilirà più; …” (Isaia 13:19/22) e Geremia aggiunge: “Le larghe mura di Babilonia saranno spianate al suolo” (Ger. 51:58).
Compimento: Babilonia divenne luogo di desolazione e dimora delle bestie, coperta dalla sabbia del deserto, fu scoperta nel 1854 dall’archeologo tedesco Robert Koldewey dal 1889 al 1917. Furono riportate alla luce importanti reperti archeologici, molti dei quali, tra cui la Porta di Ishtar ornata di mattoni di smalto azzurro con figure d’animali, furono portati in Germania.

La testimonianza degli uomini.

Abramo LINCOLN: Io credo che la Bibbia sia il migliore dono che Dio abbia mai fatto all’uomo. Tutto il bene che emana dal Salvatore del mondo ci giunge attraverso questo libro.

Giorgio WASHINGTON: E’ impossibile governare rettamente il mondo senza Dio e la Bibbia.

Emanuele KANT: L’esistenza della Bibbia, quale libro per il popolo, è il più grande beneficio di cui la razza umana abbia mai goduto, e qualsiasi tentativo di sminuirla è un delitto contro l’umanità.

Isacco NEWTON: Nella Bibbia vi sono più segni di autenticità che in qualunque storia profana.

W. Goethe: Se fossi gettato in prigione e non potessi prendere con me che un solo libro, sceglierei la Bibbia.

:

Immagini antica Babilonia:
– Scavi archeologici
– Ricostruzione della porta di Ishtar

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>