Interpretazione ed applicazione

I metodi di studio ed interpretazione della Bibbia, nel corso dei secoli, sono stati diversi: letterale, mitico, allegorico o simbolico, storico critico, ecc. La chiesa cattolica affianca al testo scritto la tradizione orale e si considera l’autorità in grado di interpretare il testo sacro.

La riforma di Lutero portò a due conclusioni molto interessanti, per quanto riguarda l’interpretazione e la comprensione della Bibbia:

  1. il riconoscimento dell’azione dello Spirito Santo: “La Bibbia non può essere compresa con lo studio o con talenti personali; voi non dovete fare affidamento che sull’influenza dello Spirito santo” (M. Lutero);
  2. la Bibbia deve essere spiegata con la Bibbia. Essendo la Bibbia ispirata da Dio, esse è fornita degli strumenti necessari per la sua comprensione.

Queste conclusioni non annullano i vari metodi di studio della parola di Dio ma riportano in primo piano principi annunciati da Gesù ed applicati dalla chiesa nascente.

Lo Spirito della verità

Giovanni 14:16/17: “Io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro consolatore, perché stia con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché dimora con voi, e sarà in voi”
Giovanni 16:12/13: “Ho ancora molte cose da dirvi; ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annuncerà le cose a venire”
Giovanni 8:31/39: “Gesù allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi … Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete veramente liberi. So che siete discendenti d’Abraamo; ma cercate di uccidermi, perché la mia parola non penetra in voi. … ”
Non basta avere la verità è necessario avere lo spirito della verità. Gesù possedeva la verità spirituale: “Essi si stupivano del suo insegnamento, perché egli insegnava loro come uno che ha autorità e non come gli scribi” (Marco 1:22). Gesù non solo dice la verità ma Egli stesso è la Verità! Prima di conoscere la Bibbia è necessario conoscere Gesù!
Gli Scribi e i Farisei avevano la verità letteraria, insegnavano la lettera della verità senza lo spirito della verità. Scrive Paolo che “la lettera uccide, ma lo Spirito vivifica” (2 Cor. 3:6).
LA VERITÀ SENZA LO SPIRITO DELLA VERITÀ È DANNOSA QUANTO LA MENZOGNA!
Il diavolo conosce molto bene la teologia ma in lui non c’è verità alcuna. Anche le “sette” hanno un po’ di verità (non è questione di percentuale) ma non hanno lo spirito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>